• 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

gabun3 1L'equipaggio della nave di Sea Shepherd Bob Barker ha assistito le autorità gabonesi nell'arresto di tre pescherecci da sbarco illegali nelle acque costiere al largo del Gabon, in Africa centro-occidentale.

Gli arresti sono stati effettuati a seguito di uno sforzo coordinato nell’arco di tre giorni tra la Marina Nazionale (Marina Militare del Gabon), l'ANPA (Agenzia di controllo della pesca) e Sea Shepherd, culminato in un raid notturno di successo contro le navi illegali nelle prime ore del mattino di domenica.

Al momento dell’intercettazione i tre pescherecci da strascico battenti bandiera del Congo erano attivamente impegnati in attività di pesca illegale all'interno delle acque territoriali e della Zona Economica Esclusiva del Gabon, dopo aver attraversato il confine della Repubblica del Congo (Congo). Uno dei pescherecci si trovava addirittura all'interno del Parco Nazionale Mayumba, un’area marina protetta al confine tra Gabon e Congo, sei miglia nautiche al largo della costa del Gabon.
Ufficiali armati della Marina del Gabon e osservatori dell’ANPA, sono saliti a bordo dei pescherecci illegali, senza provocare lesioni o incidenti, e li hanno posti in sicurezza.

La Ship Manager e Secondo Ufficiale della Bob Barker, Lex Rigby, ha riportato: “Sotto la copertura delle tenebre abbiamo lanciato due gommoni con squadre di imbarco armate della Marina del Gabon e dell’Agenzia di controllo della pesca, assistite da un pattugliatore fluviale (RPB) della Marina Nazionale, la MV Mayumba.

Mentre i funzionari del Gabon salivano a bordo del primo peschereccio e ne guadagnavano il controllo, l'equipaggio di Sea Shepherd è rimasto a fianco della nave, illuminando i ponti del peschereccio e documentando le sue attività. Le squadre da sbarco hanno poi messo in sicurezza la seconda e la terza imbarcazione illegale, una delle quali navigava alla velocità di 8 nodi al momento dell’abbordaggio.

Tutte e tre le navi sono state consegnate alle autorità locali nel porto di Mayumba per dare inizio a ulteriori indagini e alle necessarie azioni legali”.

I tre pescherecci da strascico illegali, con equipaggio di nazionalità diverse, tra cui cittadini cinesi e congolesi, sono stati oggetto dei primi arresti effettuati nel contesto di Operazione Albacore, una campagna congiunta tra Sea Shepherd e il governo del Gabon.
Lanciata nel mese di aprile, Operazione Albacore affronterà la pesca illegale, non regolamentata e non dichiarata (INN), sotto la direzione del governo del Gabon.

Durante tutta la stagione di pesca al tonno del 2016, la Marina Nazionale e gli ufficiali dell’ANPA rimarranno a bordo della Bob Barker, lavorando fianco a fianco all’equipaggio di Sea Shepherd per pattugliare le acque sovrane del Gabon.

I pattugliamenti consentiranno alle forze dell'ordine di difendere, conservare e proteggere il critico habitat del tonno nella regione fino al settembre 2016.

Il leader della campagna di Sea Shepherd Operazione Albacore, il Capitano Peter Hammarstedt, ha dichiarato: "L'inizio di grande successo della campagna dimostra la forza della cooperazione tra le autorità statali del Gabon e Sea Shepherd. Siamo immensamente orgogliosi di questa collaborazione, che ha portato a questa vittoria delle leggi in materia di conservazione ambientale e degli Oceani".

Articolo originale: 




News / Commenti

  • Con un piccolo aiuto dei miei amici
  • Quando il fulmine colpisce due volte
  • La lotta è lungi dall’essere finita - Del Capitano Wyanda Lublink
  • La fauna negli abissi della terra
  • Priorità