• 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Nach 75 Tagen auf See verfolgen unsere Schiffe noch immer die japanische Walfangflotte in den Gewässern um die Antarktis.Dopo 75 giorni in mare le nostre navi sono sempre nelle acque dell’Antartico, all’inseguimento della flotta baleniera giapponese.
Questo è il primo anno in cui Sea Shepherd è tornata a proteggere le balene dai bracconieri giapponesi, dopo che il loro nuovo programma di “ricerca” è stato avviato nella stagione 2015/2016. Lo scorso anno hanno ucciso 333 balenottere minori, di cui oltre la metà erano femmine incinte. Il governo giapponese sembra incurante dell’opinione del resto del mondo e, nonostante parole dure da parte della comunità internazionale, nulla è stato fatto per fermare la caccia alle balene per presunti scopi di ricerca.

Quest’anno i balenieri giapponesi hanno stabilito la stessa quota, ma le condizioni non sono a loro favore. Il mare è più difficile rispetto allo scorso anno, e le navi di Sea Shepherd hanno tenuto i balenieri in movimento per la maggior parte del tempo. Nonostante le difficoltà causate dai nuovi piani dei balenieri e dalle condizioni meteorologiche, l’elicottero della Steve Irwin è riuscito a localizzare la nave-mattatoio Nisshin Maru.

“Abbiamo trovato la Nisshin Maru con le mani sporche di sangue di balena. Perciò abbiamo potuto mostrare al mondo che il governo giapponese non si cura delle sentenze della Corte di Giustizia Internazionale e della Corte Federale Australiana”, ha detto il Capitano Wyanda Lublink della Steve Irwin. Purtroppo, la Ocean Warrior stava pattugliando un’altra area in quel momento, ma ciò non significa che i balenieri giapponesi abbiano potuto cacciare senza l’interferenza di Sea Shepherd. “Da quando abbiamo trovato la flotta baleniera siamo riusciti a tenerli in movimento e, grazie alla pressione delle nostre navi Ocean Warrior e Steve Irwin, abbiamo minimizzato le loro opportunità di uccidere delle balene”.

t752Allo stato attuale, delle tre navi con arpione della flotta una è rimasta all’inseguimento della Steve Irwin per settimane, impossibilitata quindi a cacciare balene. Un’altra è certamente impegnata nella ricerca della Ocean Warrior. Tuttavia, nelle poche occasioni in cui abbiamo incrociato le navi giapponesi, la superiore velocità della Ocean Warrior le ha permesso di dileguarsi. Si tratta di una situazione non confortevole per i giapponesi, che devono così costantemente preoccuparsi della possibilità che la Ocean Warrior riesca a scovare la Nisshin Maru.

“Il nuovo programma “NEWREP-A” della flotta giapponese, adottato nel 2015, come d’altronde quelli degli anni precedenti, ha ben poco di scientifico. È stato disegnato per rendere più difficile l’intercettazione della flotta e l’interruzione della caccia, e in questo ha avuto successo.” Ha detto il Capitano Adam Meyerson della Ocean Warrior. “Ma il nuovo motto dei balenieri, che prevede la fuga piuttosto che la lotta, può averli danneggiati in quanto li ha portati a spendere tutte le loro energie nella fuga, senza possibilità di cacciare balene”.

Stiamo riuscendo costantemente a far sì che loro consumino le loro riserve di carburante, tenendo nel contempo due delle tre navi da caccia con arpione lontane dalle balene. La terza nave con arpione può uccidere balene solo se le condizioni del mare sono buone e se i giapponesi sono convinti di essere sufficientemente lontani da noi, per evitare che possiamo sorprenderli e documentarne le azioni. In considerazione delle condizioni meteorologiche e il costante movimento delle nostre navi, abbiamo ragione di credere che il risultato della loro caccia quest’anno (la quota di balene uccise) sarà significativamente inferiore rispetto allo scorso anno.

Naturalmente, ogni balena uccisa è una morte di troppo. C’è ancora tempo, perciò i nostri Capitani e i nostri equipaggi continuano la ricerca della Nisshin Maru, e quando la troveranno potremo finalmente fermare definitivamente la stagione di caccia.

“Sea Shepherd continua ad essere l’unica organizzazione a lottare contro i balenieri e l’equipaggio della Ocean Warrior è fiero di poter giocare un ruolo importante nel rendere la vita difficile ai balenieri illegali giapponesi” ha detto ancora il Capitano Meyerson.

t753
Per maggiori informazioni su Operazione Nemesis, leggi le nostre domande frequenti.




News / Commenti

  • Con un piccolo aiuto dei miei amici
  • Quando il fulmine colpisce due volte
  • La lotta è lungi dall’essere finita - Del Capitano Wyanda Lublink
  • La risposta di Sea Shepherd al funzionario di Timor Est che è a favore dello sterminio degli squali
  • La Lotteria Nazionale Olandese dei Codici Postali prolunga la collaborazione con Sea Shepherd